News | 10 Aprile 2020 | Autore: Redazione

Gli effetti dell’emergenza sul mercato dei veicoli industriali: marzo segna un -40,5%

Ma il peggio deve ancora venire, secondo Franco Fenoglio, che auspica ulteriori rapidi interventi che consentano alle imprese di trasporto e alle reti di vendita e di assistenza una ripartenza immediata alla fine del lockdown.

Il Centro Studi e Statistiche di Unrae, sulla base dei dati di immatricolazione forniti dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ha elaborato una stima del mercato dei veicoli industriali per il mese di marzo. L’emergenza sanitaria colpisce pesantemente un settore che si trovava già ad operare in condizioni “drammatiche”, come le ha definite lo stesso Franco Fenoglio, presidente della sezione Veicoli industriali di Unrae.

I dati parlano chiaro.
Il mercato dei veicoli industriali con massa totale a terra superiore alle 3,5t registrano per il mese di marzo un calo del -40,5% rispetto al marzo del 2019 (1.285 unità immatricolate contro 2.161), portando il consolidato del primo trimestre 2020 a -13% (5.258 unità contro le 6.046 del 2019).
Il dato è quasi allineato con quello dei veicoli pesanti, con massa totale a terra uguale o superiore a 16t, che a marzo 2020 registrano una caduta del -38,6% rispetto al marzo del 2019 (1.066 unità immatricolate contro 1.735); il calo sul trimestre gennaio-marzo è quindi di -12,1% (4.396 unità contro 5.002).

Franco Fenoglio si spinge a fare una previsione sull’anno, consapevole che il peggio debba ancora venire: “È difficile immaginare che il dato di mercato di fine anno per i veicoli industriali possa registrare un crollo complessivo inferiore al 30% rispetto al consolidato del 2019. Di fronte all’incertezza circa la durata delle misure di contenimento in atto e le conseguenze che a catena ne discenderanno, potrebbe rivelarsi realistica una previsione che raggiunga anche una perdita di mercato del 40%”.

“Unrae, di fronte alle iniziative in campo economico e fiscale che il Governo sta prendendo, auspica che la burocrazia non aggravi le conseguenze della pandemia allungando inopinatamente i tempi di attuazione delle misure previste. Chiediamo che vengano considerate le specifiche proposte che la filiera dei veicoli industriali sta avanzando, per mettere rapidamente a disposizione le risorse già destinate al settore degli investimenti per rinnovare il parco, ampliare le possibilità di accesso al superammortamento dilazionando i tempi per il ricorso a questo strumento, definire importi e metodologie per un fondo strutturale da dedicare al rinnovo mirato del parco verso gli obiettivi di maggior sostenibilità complessiva e sicurezza”.

“Alla fine del lock-down – conclude Fenoglio – la nostra rete dovrà essere in grado di sopravvivere, altrimenti la conseguenza più grave e reale per la nostra filiera sarà la scomparsa di molte imprese di vendita e assistenza ridotte sul lastrico, con conseguenze disastrose anche in termini di disoccupazione.
Abbiamo potuto verificare che il comparto automotive è uno dei più grandi e dinamici serbatoi di occupazione. Non possiamo quindi che considerare con estrema attenzione tutte le azioni che possono rafforzare la capacità di quel serbatoio. Le misure adottate con il Decreto-Legge 8 aprile 2020, n. 23, sono solo un primo passo per affrontare l’emergenza sanitaria: l’accesso al credito, il sostegno alla liquidità e agli investimenti e le altre misure fiscali e contabili ritenute necessarie dal Governo ci auguriamo che possano garantire da subito continuità all’attività delle aziende. Ci aspettiamo però al più presto ulteriori interventi che consentano alle imprese di trasporto e alle nostre reti di ripartire con tutta la forza necessaria al bene del nostro Paese”.

 

Photogallery

Tags: mercato VI unrae immatricolazioni vi

Leggi anche