News | 11 Gennaio 2021 | Autore: Redazione

Samoter slitta al 2023. Presentato un nuovo format per l’autunno 2021: demo in cava

La decisione, condivisa con case costruttrici e associazioni di settore, è presa: posticipare al 2023 l’evento fissato in prima battuta a marzo 2021 (a sua volta recupero dell’edizione 2020), con un evento di avvicinamento nell’autunno di quest’anno.

 

Samoter, il salone internazionale triennale di Veronafiere dedicato alle macchine per costruzioni, dà appuntamento ad aziende e operatori a marzo 2023. Si tratta di un ulteriore e definitivo spostamento, rispetto alla prima ipotesi di recuperare dal 3 al 7 marzo 2021 l’edizione 2020, posticipata a causa dell’emergenza Covid-19.

“Una decisione inevitabile, ma ponderata e condivisa – ha spiegato Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere –. Lo scenario legato alla pandemia dà ancora poche certezze e, quindi, d’accordo con le case costruttrici e Unacea, l’associazione di riferimento del comparto, abbiamo individuato un nuovo posizionamento in linea con le esigenze del settore e con il calendario delle altre fiere specializzate in Europa.
Al contempo, consapevoli dell’importanza per le aziende di avere un’occasione live dove presentare al mercato Italia le ultime novità, abbiamo deciso di organizzare un nuovo evento dinamico di avvicinamento, nell’autunno 2021”.


Come si legge nella nota stampa di Veronafiere, il format sarà quello della demo in cava, con macchine e attrezzature da cantiere in azione dal 30 settembre al 2 ottobre 2021.
Fin da subito, l’obiettivo è quello di realizzare un’iniziativa di livello nazionale, coinvolgendo operatori da tutte le regioni italiane e favorendo la partecipazione dei buyer anche dal centro-sud del Paese.
Inoltre, la contemporaneità dell’evento con Marmomac, la più prestigiosa fiera mondiale dedicata alla filiera della produzione litica, potrà offrire l’occasione per realizzare importanti sinergie tra comparti.
 

Photogallery

Tags: samoter

Leggi anche