Articoli | 06 Marzo 2020 | Autore: Manuela Lai

Con Alltrucks Fleet, il network officine punta alle flotte

Operativamente lanciato a metà del 2019, il programma Alltrucks Fleet è ora in pieno sviluppo e vedrà presto il lancio di servizi puntuali, dedicati, costruiti su misura delle aziende di trasporto.

 

La joint venture di Bosch, Knorr-Bremse e ZF si è presentata sul mercato nel 2013 con una strategia molto chiara, articolata in due fasi. Raggiunto pienamente il primo step, ovvero sviluppare un portafoglio di servizi completo ed esclusivo e quindi un network di officine di alto profilo, con l’obiettivo di diventare la prima rete multimarca a livello europeo, Alltrucks Trucks & Trailer Service è ora entrata nel vivo della seconda fase: lo sviluppo del programma Alltrucks Fleet.

Cucito sulle esigenze delle aziende di trasporto, Alltrucks Fleet offre una serie di servizi – prima di tutto di carattere gestionale – attraverso la rete di officine internazionali.
Si spiega così la volontà iniziale di creare un network qualificato di oltre 700 officine affiliate in Europa, di cui 85 in Italia.
Come ci spiega Gianluca Annunziata, Country Manager Italia: “Pressochè la totalità delle officine Alltrucks si sono impegnate per gestire i clienti aderenti al programma Alltrucks Fleet secondo regole condivise. Che sono prima di tutto regole di gestione, velocità, priorità e trasparenza, perché sono questi i servizi fondamentali per le aziende di trasporto. Un cliente che si trova lontano dalla propria officina di riferimento vuole essere certo che il suo veicolo non si fermi sul piazzale; inoltre vuole un contatto costante con l’officina che sta effettuando la riparazione, in modo da avere la certezza di quello che viene fatto sul suo veicolo; ma non solo: vuole modalità, tempistiche e ricambi certi, oltre e condizioni trasparenti”.

Perché Alltrucks Fleet


Come si è arrivati a questo ce lo illustra Gianluca Annunziata: “Da un’attenta analisi fatta in tutti i Paesi del network e rivolta alle aziende di trasporto e alle nostre officine, abbiamo capito che la prima esigenza era quella di massimizzare due elementi principali: lato officina il fatto di far parte di un network internazionale (perché è un elemento di servizio molto importante); lato azienda, equipaggiare le officine con i migliori strumenti per operare sui loro veicoli. Parliamo di esclusività che danno alle aziende di trasporto delle certezze, perché a prescindere dal veicolo e dal luogo in cui si trovi, le officine della rete Alltrucks risolvono il problema”.

Siamo partiti dall’intervento straordinario per dar modo all’autotrasportatore di poter utilizzare il nostro network internazionale quando si trova lontano dalla sua officina di riferimento.
E un valido supporto in questo gli viene offerto dalla nostra App. Facile e intuitiva, permette all’autotrasportatore di geolocalizzarsi e di trovare l’officina qualificata più vicina. In caso di necessità, il soccorso stradale internazionale 24/7 fornisce assistenza, il tutto nella propria lingua
”.

Target e obiettivi

Per passare dalla teoria alla pratica, Gianluca Annunziata ci svela qualche numero interessante: a fine 2019, in pochi mesi dall’attivazione del programma flotte, una sessantina di aziende di trasporto in Europa avevano già aderito al programma Fleet; in Italia si contavano 12 clienti, per un totale di oltre 3.000 veicoli coinvolti. “Ma questo è solo il primo passo – prosegue – perché nel corso del 2020 puntiamo a presentare servizi più puntuali e dedicati, che le aziende di trasporto potranno selezionare”.

Parallelamente allo sviluppo della rete, tanto a livello nazionale quanto internazionale (con l’ingresso nei Paesi Scandinavi e in quelli dell’Est Europa), l’obiettivo di Alltrucks per il prossimo triennio è lo sviluppo del programma dedicato alle flotte, che prevede l’integrazione con altri servizi più legati alla manutenzione ordinaria.
Per le aziende di trasporto – come ci spiega Gianluca Annunziata - la rete Alltrucks è un’ottima opportunità per trovare un punto di assistenza qualificato e complementare alle reti autorizzate, soprattutto quando si parla di rimorchi. “Le 'buone' aziende di trasporto hanno aspettative sempre più elevate e si aspettano officine sempre più preparate. Attraverso le nostre officine ci proponiamo come un valido complemento all’assistenza offerta dell’OE, o come un’opportunità di business laddove manchi la copertura, o per urgenza o per tipologia di veicolo”.

Partnership in primo piano

Fin da subito, Alltrucks ha sviluppato importanti collaborazioni a livello internazionale, che hanno avuto come obiettivo ultimo quello di dare ulteriori possibilità alle officine partner: possibilità di servizio, di competenza, di crescita.
Ne sono un esempio le attive collaborazioni con Total Lubrificanti e Eberspächer, sviluppate nell’ultimo biennio.
Risale invece alla fine dello scorso anno la partnership con Prometeon Pirelli, società nel settore pneumatici che gestisce lo storico marchio italiano per il segmento trasporto merci, agro e OTR, con un’offerta multimarca. Grazie agli accordi stipulati, a partire da marzo le officine Alltrucks interessate a sviluppare il servizio pneumatici possono inserirlo o potenziarlo, attraverso Prometeon.
 


“Alltrucks nasce come pura società di servizi: il nostro principale scopo è quello di dare alle officine affiliate dei servizi che gli permettano di migliorare la propria operatività, di essere più performanti, di offrire un’assistenza multimarca di qualità, di intervenire su percentuali più alte di veicoli. E oggi con Alltrucks Fleet vogliamo far crescere il loro business, fornendo servizi direttamente alle flotte, che si rivolgono alla nostra rete di officine”.
 
Gianluca Annunziata, Country Manager Italia di
Alltrucks Trucks & Trailer Service



>>> Per ulteriori informazioni sull'ingresso della rete Alltrucks in Italia



 

Photogallery

Tags: officine vi Alltrucks network autoriparazione truck flotte truck

Leggi anche