Articoli | 01 Dicembre 2020 | Autore: Manuela Lai

Gli otto soci truck del Consorzio PDA: la forza della distribuzione

Si conclude un anno difficile ma, sotto diversi punti di vista, soddisfacente per il consorzio PDA, che sta già lavorando per affrontare con grinta un 2021 altrettanto impegnativo.

 

Per una realtà nata subito dopo la grande crisi del 2008, affrontare lo tsunami economico e sociale generato dal Covid-19 potrebbe sembrare più naturale, perché ha già gli anticorpi per combattere le situazioni più difficili. E infatti non si può certo parlare di anno “nefasto” per il Consorzio PDA, che ha sì sofferto degli effetti della pandemia, ma con numeri piuttosto contenuti.

Il risultato è una chiusura di fine anno che va oltre le più rosee aspettative, con un calo stimato intorno al 10-12% per il gruppo, sebbene con alcuni fornitori si riuscirà a raggiungere un ragguardevole pareggio.

Un anno da non dimenticare

Il merito va a ognuno degli otto soci truck del consorzio, sempre operativi anche nei giorni più difficili dell’emergenza e capaci, in alcuni casi, di guardare avanti puntando al futuro. Ma il merito va anche alle nuove sinergie provenienti dal fronte nazionale e internazionali, derivate dalla creazione, sul finire dello scorso anno e insieme a Groupauto Italia, di Groupauto Italia Holding, e dall’appartenenza quindi a Groupauto International.

Di questa nuova e inedita collaborazione, il Consorzio PDA ne sta beneficiando grazie a prestigiosi accordi commerciali con i migliori marchi internazionali e allo sviluppo di modelli distributivi sinergici e competitivi. Ma non ci si ferma qui, perché il consorzio guidato da Claudio Santin sta gettando le basi per future prossime partnership commerciali e sta già pensando al prossimo anno.

Pensando al 2021

Nell’ottica di migliorare la propria profittabilità, infatti, per il prossimo anno il gruppo intende attuare una razionalizzazione dei fornitori, individuando quelli più strategici con i quali avviare un percorso pluriennale di crescita. Lo scopo è quello di creare una progettualità, con programmi almeno biennali meglio se quinquennali, gettando le basi per nuove e più soddisfacenti collaborazioni.
Inoltre, per differenziarsi sul mercato e per dare nuovo slancio alla ripartenza economica, il team del consorzio sta lavorando attorno a un altro progetto, che prevede lo sviluppo di seconde linee, grazie ad accordi commerciali con produttori europei ancora poco presenti sul mercato e alla ricerca di una distribuzione più efficace.
 

AIR (Auto Industriale Ricambi)

Dopo la sede di Catania e l’apertura della filiale di Rende (Cosenza), a fine febbraio AIR ha rafforzato la presenza sul territorio siciliano, con l’inaugurazione della sede di Siracusa.

Sotto la guida di Nunzio Selmi, l’azienda è cresciuta molto, arrivando a triplicare il fatturato nel giro di pochi anni. Merito di un servizio sempre più capillare ed efficiente, che migliorerà ulteriormente grazie a ulteriori nuove aperture.
 
 

Bus&Trucks Divisions

Attraverso un servizio accurato e personalizzato, l’azienda Bus&Trucks Divisions di Barletta (BA) si è fatta strada in molti mercati internazionali.
Il merito va alle competenze e all’organizzazione del personale altamente qualificato, in grado di rispondere immediatamente a qualsiasi richiesta del cliente. Ma anche a un’attenta selezione di ricambi originali e aftermarket, senza mai trascurare garanzia e qualità.
 
 

Corim

Il 2020 avrebbe dovuto essere l’anno dei festeggiamenti per Corim, ma se a causa delle restrizioni anti-Covid ha dovuto rinunciare alle celebrazioni per i 20 anni di attività, ha comunque festeggiato l’anniversario nel migliore dei modi.

Ha infatti investito nella propria struttura: nuovi uffici, nuovo magazzino, nuovo parco macchine, per concludere con il restyling del logo.

Cresciuta molto negli ultimi anni – alla sede di Casoria (NA) si sono affiancate le filiali di Modugno (BA), Gioia Tauro (RC), Pagani (SA) e per ultimo quella di Calenzano (FI) – è impegnata in un sviluppo su due fronti: segue i programmi del consorzio e parallelamente sta affiancando sue nuove linee, a marchio privando.
 
 

DDR Group

Accantonati i festeggiamenti per i 35 anni di attività, DDR Group continua nel perseguire la sua missione, focalizzandosi su due aspetti: inserire e supportare la ricerca e l’inserimento di nuovi prodotti.
Sfide che da qualche tempo l’azienda affronta anche grazie all’aiuto e al supporto della nuova generazione, determinante nella pianificazione e nello sviluppo di nuove strategie di crescita, che passano sicuramente dal digitale e dall’espansione in nuove aree geografiche.
 
 

Dibenedetto


Dopo essersi regalata una nuova e avveneristica sede, a misura dei propri dipendenti, e un magazzino ricambi strutturato per gestire al meglio gli oltre 50.000 articoli, l’azienda Dibenedetto ha investito quest’anno nel rifacimento del sito internet, che contiene anche una sezione dedicata al proprio marchio privato DBN Spare Parts.


 
 

Dierre Dimensione Ricambi

Dierre Dimensione Ricambi è un gruppo votato alla crescita, con una visione chiara: coprire tutta l’Italia attraverso una distribuzione sempre più capillare, che prevede un magazzino ogni 200-250 km.
Oggi l’azienda conta 24 magazzini e punti vendita, grazie all’apertura nel 2020 della filiale di Savona (in seguito all’acquisizione della Siak di Vado Ligure,(SV) e della nuova filiale di Tortona (AL).

Strategico è anche l’accordo commerciale con l’azienda di distribuzione RAR (Ricambi Autocarri Rimorchi), che dallo scorso agosto opera come agenzia con deposito, attraverso le sue tre filiali di Nova Milanese (MB), Malnate (VA) e San Pietro Mosezzo (NO).
 
 

il freno Group

Passato negli anni da realtà regionale a gruppo nazionale, grazie all’apertura di quattro filiali
(Chieti, Macerata, Cesena e Piacenza) oltre alla sede di Funo di Argelato (BO), il freno Group si sta preparando ad affrontare una nuova sfida. È ancora presto per parlare di novità, ma dal prossimo anno le occasioni non mancheranno.
 
 

Siak Solution

Specializzata su tutto ciò che riguarda il cronotachigrafo VDO (ricambi, riparazione, assistenza e programma scambio tachigrafi rigenerati) e relativi programmi gestionali, Siak ha recentemente effettuato un vero e proprio cambio di marcia, legandosi a doppia mandata con il marchio VDO.
Questo cambio è sintetizzato nella nuova ragione sociale Siak Solution (in cui confluiscono Siak Torino e Siak Firenze) e nel nuovo logo in cui compare anche il marchio VDO. Obiettivo: diventare protagonisti nazionali nei tachigrafi e nei relativi prodotti/servizi per flotte e centri tecnici.
 

 

Photogallery

Tags: consorzio pda ddr group corim siak il freno group Dierre Dimensione Ricambi Dibenedetto Bus&Trucks Divisions AIR (Auto Industriale Ricambi)

Leggi anche