News | 07 Novembre 2016 | Autore: Redazione

Un convegno per i 40 anni di Toscandia
Guidare l’intero settore dei trasporti verso un futuro maggiormente sostenibile”: è questa la promessa fatta da Scania e ribadita nel corso di un convegno organizzato da Toscandia, storica concessionaria Scania, in occasione delle celebrazioni per i suoi 40 anni di attività.
A fare da cornice all’evento, svoltosi lo scorso 21 ottobre e intitolato “La strada per una mobilità sostenibile”, è stato il Palazzo Ximènes, nel cuore di Firenze. Si è trattato di un incontro significativo, che ha messo in evidenza le sfide che sta affrontando il settore dei trasporti, in particolare la crescente urbanizzazione, l’aumento della domanda di mobilità di beni e persone con un consistente impatto sull’ambiente. Un’iniziativa che ha voluto porre l’accento sulla centralità dello sviluppo tecnologico e della spinta innovativa nella lotta contro le emissioni di anidride carbonica e nel raggiungimento degli obiettivi fissati in occasione della conferenza internazionale sul clima di Parigi.

In rappresentanza di Scania è intervenuto Paolo Carri, Business Support & Development Director, il quale ha evidenziato le potenzialità del trasporto nel guidare il cambiamento verso un futuro sostenibile, offrendo una mobilità che sia migliore per la società e più profittevole per le imprese.

Quello di Toscandia è un chiaro esempio di come le esperienze maturate possano essere fondamentali per crescere in una logica di rinnovamento sia da un punto di vista strutturale sia organizzativo. Toscandia, infatti, nasce nel 2010 dalla fusione di due storiche concessionarie Scania e di una concessionaria Nissan: Toscandia Autocarri Spa (concessionaria Scania dal 1976), Lipiscandia Spa (concessionaria Scania dal 1978) e Rivesca Spa (concessionaria Nissan dal 2000). Per far fronte alla nuove esigenze di spazio e di promozione del marchio, in questi ultimi anni tutte le sedi sono state ristrutturate. Toscandia, infatti, con i marchi Scania e Nissan, opera nelle regioni di Toscana, Umbria e Sardegna con una rete di diciotto officine autorizzate e servite, 10 venditori coordinati da tre responsabili vendite.


 

Photogallery

Tags: mobilità scania

Leggi anche