Articoli | 05 Luglio 2018 | Autore: Cristina Palumbo

Sicurezza ed efficienza: i cardini del sistema frenante. Anche e soprattutto per i truck

Le nuove tecnologie e i sistemi frenanti: cosa offrono le aziende del settore e quali sono i trend del mercato

 

In un mercato che a detta degli operatori si sta riprendendo, emerge un certo ottimismo fra le aziende di produzione, soprattutto per chi non si è mai fermato e ha continuato a investire nel settore, seguendo i mega trend dell’automotive.
In questi anni, infatti, gli ingegneri impegnati nei laboratori di ricerca e sviluppo, hanno puntato a trovare soluzioni che potessero assolvere al compito della sicurezza su strada, alla riduzione delle emissioni nocive e a tutto ciò che sta entrando nel mondo del trasporto “intelligente” con la e-mobility e i veicoli connessi.
Per raggiungere lo scopo, gli elementi chiave sono l’utilizzo di nuovi materiali e lo sviluppo di nuove tecnologie.

I materiali e l'efficienza

Come è coinvolto il sistema frenate nella riduzione delle emissioni? Ci sono sostanzialmente due strade da percorrere: la prima riguarda la riduzione dei pesi e la seconda la ricerca di soluzioni al tempo stesso più sofisticate e più semplici. Facciamo qualche esempio.

La riduzione del peso è un mega trend di tutta l’industria automotive e coinvolge tutti i sistemi, dal motore alle carrozzerie. I vantaggi per l’ambiente sono evidenti: se un mezzo è più leggero, richiederà meno potenza per raggiungere determinate prestazioni e dunque si riducono i consumi di carburante. Un esempio dell’applicazione di questo concetto al sistema frenante è la tecnologia “Light Technology” dei prodotti a marchio DON (un brand presente nel nostro paese grazie a Hella). In questo caso è stata progettata una particolare conformazione della piastra di supporto del materiale di attrito, che ha permesso di ridurre il peso in maniera importante.

La tecnologia del pistone singolo impiegata da Wabco per il disco freno, invece, permette di ridurre il numero dei componenti, riducendo di fatto il peso di tutto il sistema.
Un altro esempio testimoniato da Federal-Mogul è la tecnologia Jurid Metlock® applicata ai prodotti del marchio Jurid appunto. In sintesi, questa soluzione permette di
allargare la superficie legante tra il materiale di attrito e la contropiastra della pastiglia, al fine di migliorare la resistenza al taglio. Il rinforzo denominato Greencoating rappresenta
un’altra tecnologia che consente una distribuzione più uniforme del calore attraverso pastiglia e disco. Questa tecnologia previene la formazione di zone calde nel disco, riduce il rischio di crepe e di usura prematura del disco, oltre a contribuire a tenere bassi i costi operativi.

Molte sono anche le ricerche nell’ambito delle leghe e dei materiali utilizzati per la produzione dei componenti del sistema frenante: i cardini di chiave di queste nuove soluzioni sono la leggerezza e le prestazioni, perché è necessario trovare il giusto punto di compromesso fra il peso e la durata (e di conseguenza l’efficienza) dei componenti.
La garanzia della durata e della resistenza all’usura è fondamentale soprattutto in un settore dove i chilometri percorsi sono davvero tanti e le frenate continue e dove il parco veicoli è composto più che da mezzi di singoli proprietari, da flotte che comprendono più unità. Senza dimenticare che il fermo macchina per la manutenzione deve essere ridotto al minimo.

Veicoli connessi: un vantaggio anche per la manutenzione

L’efficienza di un sistema frenante è ovviamente fondamentale per la sicurezza su strada e dunque il rispetto degli intervalli di manutenzione ordinaria, così come la necessità di intervenire immediatamente in caso di guasto o difettosità dell’impianto, sono elementi imprescindibili.
Come possono le nuove tecnologie supportare tutto questo? Mettendo di fatto su strada veicoli “intelligenti”.
Avere un mezzo connesso in remoto, ad esempio, permette di monitorare lo stato di usura dei suoi sistemi attraverso i segnali inviati dalle centraline ai computer di bordo.
Un innegabile vantaggio in termini di programmazione degli interventi e di efficienza del veicolo nel suo complesso, di riduzione dei tempi di fermo macchina e di scelta di dove portare il mezzo che deve essere sottoposto a manutenzione.
Si pensi ad esempio ai proprietari di flotte che possono gestire così il tragitto dei mezzi e farli fermare per l’intervento prima di aver caricato o dopo aver scaricato la merce senza necessariamente tornare in sede.

Come testimonia Haldex: “Il controllo della frenata ha fatto un grosso passo avanti grazie all’elettronica, che ha permesso una notevole riduzione dei tempi di intervento e reso i mezzi più stabili”.
Il passaggio successivo all’impiego dell’elettronica sui sistemi frenanti (pensiamo ai sistemi ABS ed EPS) è proprio la connessione e il controllo da una centrale operativa e la capacità dei veicoli di comunicare fra di loro. Un esempio di come queste tecnologie vengono impiegate nei mezzi pesanti è il cosiddetto “platooning”, dove il camion che svolge il ruolo di leader attiva i freni mentre i veicoli a lui collegati e che lo seguono faranno altrettanto con un tempo di reazione pari a zero.

La sicurezza è tutto

Senza scendere nei dettagli dell’evoluzione del sistema frenante, è importante sottolineare che l’elettronica ha giocato e gioca un ruolo fondamentale anche in questo settore e l’efficienza dei sistemi frenanti è direttamente collegata ad essa.

La comunicazione fra sistemi, possibile grazie all’elettronica di bordo, ha permesso ad esempio lo sviluppo di molte altre funzioni aggiuntive, che hanno un impatto importante sull’efficienza di frenata di un mezzo. Pensiamo ad esempio alla gestione del carico, al monitoraggio della pressione dei pneumatici, al controllo dell’usura dei componenti eccetera.
Secondo quanto dichiarato da ZF, le tecnologie che hanno e avranno maggior impatto nell’evoluzione dei sistemi frenanti sono strettamente collegate ai sistemi avanzati di assistenza alla guida (ADAS), che sono in costante e progressiva applicazione su tutti i mezzi: auto, veicoli commerciali e industriali.
Quando si parla di “sistemi ADAS” si intendono i dispositivi progettati per ridurre al minimo i rischi di incidente, come la frenata automatica di emergenza, il cruise control adattivo, l’avviso di collisione frontale e posteriore, l’avviso di cambio corsia ed altri, che vanno ad aggiungersi ai sistemi già presenti come ABS ed ESP.
La sicurezza su strada rimane dunque il tema dominante nella ricerca e sviluppo di nuove soluzioni, con lo scopo di raggiungere la cosiddetta “Vision 0”, la riduzione degli incidenti stradali per arrivare a zero vittime sulle strade.

E la riparazione?

Un breve accenno merita anche il discorso degli interventi di riparazione, perché le nuove tecnologie stanno sicuramente impattando e modificando il modo di operare in officina.
Questo è vero non solo in termini di organizzazione del lavoro e gestione del cliente, con la possibilità della diagnosi da remoto, ma concretamente per il modo in cui procedere.
La presenza di sistemi più sofisticati e di un’elettronica spinta, infatti, richiede competenze e strumentazioni diagnostiche più ampie e approfondite rispetto al passato. E anche in questo le aziende produttrici, non solo di attrezzature ma anche di sistemi frenanti e componenti, possono avere un ruolo fondamentale nel trasmettere informazioni e competenze che permettano ai professionisti della riparazione di rimanere aggiornati e saper intervenire a regola d’arte nella riparazione e manutenzione dei mezzi.

 

Ringraziamo le seguenti aziende per il loro contributo

• Cojali Italia
• Diesel Technic
• Effebi
• Europart Italia
• FCar
• Federal - Mogul Motorparts
• Haldex Italia
• Hella
• LPR
• Metelli
• Roberto Nuti
• Wabco
• ZF Group – TRW Automotive Italia
 

Cojali Italia

Cojali è una realtà riconosciuta a livello globale specializzata nel mondo della pneumatica applicata al veicolo industriale e, in quanto tale, fortemente implicata nel mondo dei sistemi di frenata ad aria compressa utilizzati dai veicoli industriali pesanti e medio-pesanti.
L’azienda prosegue il suo percorso con lo sviluppo di prodotti sempre all’avanguardia, andando a potenziare sempre più il proprio assortimento.
Cojali, infatti, ha saputo coniugare lo sviluppo e la produzione di sistemi pneumatici tradizionali, dove l’off erta del catalogo di componenti alternativi è diffi cilmente riscontrabile nel catalogo di altri costruttori, con lo sviluppo di sistemi elettronici strettamente connessi alla funzione di frenata.

Ricordiamo le valvole ABS, quale punto di inizio di questa trasmigrazione verso un mondo elettronizzato, per arrivare alla produzione di un sistema Trailer ABS completo (valvole,
elettronica, sensori, ecc.) destinato al mondo dell’OEM e dell’aftermarket, così come ad un primo impianto in quelle applicazioni in cui ABS è tecnologia ancora sufficiente per gli scopi prefissati. L’EBS, inoltre, è un ulteriore punto di vanto e prossimo obiettivo dell’azienda.
Cojali opera a 360 gradi sul mercato del prodotto EBS ricondizionato, disponendo, inoltre di un innovativo sistema di diagnosi in grado di dialogare direttamente e senza alcuna intermediazione, con i modulatori dei più comuni EBS per truck/bus.





Cojali Italiawww.cojali.it
 

Diesel Technic

Diesel Technic Group, fornitore nell’aftermarket indipendente di ricambi per veicoli commerciali leggeri e pesanti, propone una gamma completa di ricambi dedicata al sistema frenante composta da: tamburi, alberi del freno, correttori di frenata, dischi freno, cilindri freno, serbatoi dell’aria, compressori, valvole dei freni, essiccatori d’aria, pedali del freno, refrigeranti dell’olio, kit pastiglie freno, sensori ABS, tubi e cavi freno.

Tutti i prodotti sono disponibili con entrambi i marchi proposti dall’azienda, ovvero DT Spare Parts (riconosciuto per qualità e affi dabilità) e SIEGEL Automotive (brand per la riparazione e manutenzione di veicoli commerciali destinati ai mezzi più datati).
I prodotti di entrambi i brand sono coperti da una garanzia di 24 mesi per DT Spare Parts e 12 mesi per SIEGEL Automotive, che decorre solo dal momento in cui il cliente finale
acquista i ricambi dal distributore o ricambista di riferimento. La gamma di Diesel Technic dedicata al sistema frenante include circa 6.000 codici a marchio DT Spare Parts, adatti ai modelli di tutti i principali costruttori, e circa 50 prodotti con il brand SIEGEL Automotive.
Per quanto riguarda la distribuzione, Diesel Technic opera sul mercato italiano rivolgendosi direttamente ai distributori, nel pieno rispetto della filiera.

Diesel Technic www.dieseltechnic.com/it
 

Effebi

La gamma di produzione di Effebi, relativa al sistema frenante truck & bus, si compone di varie tipologie di prodotto: tubi freno, cavi freno e raccorderia.


Per raggiungere elevati standard di qualità, inoltre, l’azienda effettua numerosi test sul
le parti, utilizza materiali all’avanguardia al fine di garantire massima sicurezza in termini di prestazioni e di resistenza.
Infine, per quanto riguarda la distribuzione, sia sul territorio nazionale sia su quello estero, Effebi si affida a ricambisti specializzati del settore.

 
 

Europart Italia

Il distributore Europart offre ai suoi clienti una gamma completa di prodotti per il sistema frenante dei veicoli industriali e dei rimorchi sia per il primo impianto sia per il mercato dei ricambi.
In alternativa ai prodotti di primo impianto, Europart off re un assortimento completo a marchio proprio: Europart Premium Parts.
Questa gamma si compone di oltre 7.500 codici ed è realizzata nel pieno rispetto delle specifiche tecniche dei prodotti di primo impianto, delle procedure di selezione fornitori, di certificazione e di continuo monitoraggio sia in linea di produzione sia al ricevimento del prodotto finito presso i magazzini.
La distribuzione dei prodotti Europart, invece, avviene tramite una rete di distributori presenti su tutto il territorio nazionale.

Europart Italia - www.europart.net/it
 

FCAR

L’offerta commerciale di FCAR relativa al sistema frenante truck si compone, attualmente, di cinque tipologie di prodotto: pastiglie, dischi, ceppi, segnalatori di usura e aria compressa. L’azienda, che mira a potenziare ancor di più la sua gamma, gestisce al momento principalmente tre marchi: Knorr-Bremse, Jurid e Meyle.
FCAR, infi ne, serve direttamente le officine truck tramite un servizio consegne che va dai due ai quattro passaggi in offi cina a seconda della zona, i clienti sono seguiti da agenti e da specialisti in magazzino dedicati al mondo del mezzo pesante.

FCAR www.fcar-parts.com
 

Federal-Mogul Motorparts – Jurid®

Con il brand Jurid®, Federal-Mogul Motorparts off re al mercato dei veicoli commerciali e industriali una gamma completa di componenti frenanti di qualità OE che puntano a differenziarsi per la presenza di molte nuove tecnologie (per esempio: la tecnologia Jurid Metlock®).
L’azienda conta a catalogo più di 650 codici suddivisi tra: pastiglie freno, tamburi e dischi sviluppati per la maggior parte del parco circolante europeo. L’assortimento, inoltre, si completa grazie a: indicatori di usura, accessori e rivetti.

Ricordiamo, inoltre, che Jurid® supporta i professionisti della riparazione con un’ampia documentazione tecnica, tabelle anomalie e bollettini periodici, per aiutarli a identificare e risolvere le più comuni problematiche legate all’impianto frenante.

Federal-Mogul Motorpartswww.fmmotorparts.com
 

Haldex Italia

Haldex è in grado di fornire un impianto frenante ad aria completo per rimorchi e semirimorchi. La gamma dell’azienda è composta da: testine di accoppiamento, valvole di sfrenatura parcheggio dotate della funzione di safe parking e dall’ultima generazione di EBS che è il cuore dell’impianto frenante.
Haldex, inoltre, fornisce anche tutta una serie di valvole per funzioni opzionali, raccorderie con tubi, spirali e serbatoi aria.

Il materiale Haldex, prodotto nei vari stabilimenti (Europa, America del nord, Messico e Asia) viene venduto direttamente ai costruttori di veicoli industriali. Per i ricambi esiste invece una rete di distributori autorizzati Haldex che vende gli articoli a officine o ad altri rivenditori. Una rete di offi cine autorizzate, costantemente aggiornata tramite dei corsi di formazione, garantisce assistenza a tutti gli utilizzatori di prodotti Haldex. Il servizio capillare viene garantito dalla supervisione delle sedi commerciali Haldex localizzati in punti strategici delle varie nazioni europee.
Segnaliamo, infi ne, che in Italia Haldex ha i propri uffi ci a Lissone, nel cuore della Brianza.

Haldex Italiawww.haldex.com
 

Hella – DON

A partire da gennaio 2018, il portafoglio di prodotti Hella si è ampliato con la distribuzione della gamma completa di dischi, pastiglie freno, ceppi e accessori a marchio DON (brand
storico del gruppo TMD Friction).
La gamma attuale, in costante ampliamento, comprende circa 300 codici di pastiglie, dischi e ceppi freno.
I prodotti a marchio DON si contraddistinguono per l’elevata qualità, la quale si avvale delle competenze del primo equipaggiamento.
Tutti i codici, inoltre, sono conformi alla norma ECE R90 e vengono sviluppati secondo gli standard di qualità TMD, oltre i requisiti base della normativa stessa. La distribuzione è principalmente composta da distributori specialisti nei ricambi truck.

Hella www.hella.it
 

LPR

Sul mercato da oltre 60 anni, LPR per il sistema frenante, produce e distribuisce per l’aftermarket: pompe freno, cilinfretti freno, pompe frizione, cilindretti frizione, regolatori di frenata, tamburi freno, pastiglie freno, ganasce freno, dischi freno, kit ganasce premontate, cavi di controllo, semiassi, pompe acqua, giunti omocinetici, tubi e liquido freno.
Grazie ad importanti investimenti, inoltre, l’azienda utilizza tecnologie all’avanguardia e controlla direttamente tutto il ciclo produttivo dei suoi codici, migliorando costantemente le singole fasi delle lavorazioni meccaniche fino all’imballaggio.
Segnaliamo, infi ne, che LPR off re una vasta gamma di kit per la sostituzione rapida ed effi cace dei freni a tamburo. Gli Easy Kit rappresentano un soluzione ottimale in quanto i componenti sono già premontati, e subito pronti per l’installazione.

LPR www.lpr.it
 

Metelli Group

Metelli Group propone una gamma molto ampia di pastiglie freno per applicazioni truck e bus composta da oltre 100 riferimenti per una copertura di oltre 220 modelli.
Mediamente ogni anno vengono sviluppati circa 15 nuovi riferimenti al fine di avere una quasi totalità di copertura delle case produttrici. Numerosi riferimenti di pastiglie freno sono proposti con antivibranti per fornire un maggiore comfort oltre che essere dotati di un supporto metallico reticolato per una maggiore aderenza del materiale d’attrito.
Oltre alle pastiglie freno, Metelli propone un’ampia gamma di componenti idraulici come i cilindri freno per oltre 70 modelli differenti e tutti testati al 100% per garantire performance di efficienza e funzionalità costanti.
La distribuzione del prodotto per applicazioni industriali è leggermente diversa rispetto a quella per passenger car.
Qui vi sono, infatti, specialisti dedicati a questo mondo e Metelli si è di conseguenza appoggiata ad alcuni di questi per la distribuzione dei propri prodotti su scala nazionale.

Metelli Groupwww.metelligroup.it
 

Roberto Nuti Group

Da inizio 2017, il Gruppo Roberto Nuti, che ne ha la distribuzione esclusiva in Italia, ha ampliato la sua offerta grazie alle pinze freno MEI. Le pinze freno MEI sono nuove e con performance qualitative identiche a quelle in dotazione in primo impianto e con un prezzo molto più vicino alle rigenerate che non alle originali.
Un prodotto nuovo, accompagnato da due anni di garanzia, presentato ad un prezzo più che interessante e senza nessuna cauzione per la restituzione delle carcasse, questi sono i punti di forza sui quali si sviluppa il progetto pinze freno MEI.
Roberto Nuti Group distribuisce le pinze MEI attraverso i tradizionali canali presso cui è possibile trovare anche gli ammortizzatori SABO.

Roberto Nuti Groupwww.rnb.it
 

Wabco

Dal 1869 Wabco è un fornitore a livello mondiale di tecnologie e servizi che migliorano la sicurezza, l’effi cienza e oggi anche la connettività dei veicoli industriali. L’azienda offre un ampio portafoglio di soluzioni per l’assistenza avanzata alla guida, la frenatura elettronica, il controllo della stabilità, i sistemi di sospensione e trasmissione, nonchè soluzioni di gestione flotta e aerodinamica del rimorchio.
In questo continuo sforzo teso a migliorare sicurezza, efficienza e connettività dei veicoli, Wabco mira a garantire una gamma completa di avanzate soluzioni aftermarket per le flotte di veicoli e per tutto l’ecosistema che ne deriva, includendo i ricambi rigenerati, la gamma di ricambi a basso costo ProVia, kit di riparazione, soluzioni di offi cina, telematica molto altro ancora.

In particolare, l’azienda nel 1981 ha fatto da pioniere nel sistema ABS per truck, rimorchi e bus e nel 1996 ha lanciato l’EBS per veicoli commerciali leggeri.
Per la distribuzione, invece, Wabco si avvale di una rete di distribuzione globale grazie a 14 centri e 4.500 partner in tutto il mondo.

Wabco www.wabco-auto.com
 

ZF Group- TRW Automotive Italia

La gamma di prodotti TRW relativi al sistema frenante per veicoli industriali e veicoli commerciali leggeri comprende principalmente pastiglie freno e segnalatori di usura, dischi freno e pinze freno rigenerate.
In particolare, le pastiglie freno per VI a marchio TRW sono prodotte con materiale di attrito di qualità, in grado di offrire un mix ottimale e prestazioni da manuale per i veicoli pesanti.
In linea con gli standard di primo impianto, il portfolio comprende dischi freno omologati ECER90 per l’intero impianto di freni a disco pneumatici e nella gamma di sistemi sterzanti è compreso anche l’innovativo e premiato giunto sferico XCAP. La distribuzione dei prodotti TRW sul territorio nazionale avviene attraverso una rete di distributori specializzati facenti parte di gruppi internazionali (international trading groups), quali GAU/Truck Company Group e Temot.

ZF Groupwww.trwaftermarket.com/it

Photogallery

Tags: freni federal mogul zf Hella metelli roberto nuti europart wabco effebi LPR haldex cojali Diesel Technic sistema frenante vi fcar

Leggi anche