Articoli | 26 Febbraio 2016 | Autore: Claudia Dagrada

Eurocar, quando la famiglia fa squadra in officina

Con una sede di 13.000 metri quadri, Eurocar è un’officina di successo in cui l’impegno e l’attenzione al cliente sono una questione di famiglia. Un connubio vincente, come testimoniano i trent’anni di attività da festeggiare proprio quest’anno.

 

L’impressione che si ha visitando Eurocar è di un’officina che alla base del proprio successo ha una gestione famigliare fondata su valori e principi molto saldi. E forse è proprio questo il segreto che la mantiene in ottima salute da ormai trent’anni: specializzata nella manutenzione e la riparazione sia di camion sia di rimorchi di tutti i modelli, da piccola officina che era agli inizi, è diventata una realtà di successo che si avvale di personale qualificato, ricambi di qualità e una strumentazione all’avanguardia. Insieme ai titolari, Francesco Costanzo e sua moglie Raffaella Pisani, lavorano anche i tre figli, a cui nel prossimo futuro verrà passato il testimone della conduzione aziendale.
Ma facciamo un passo indietro e torniamo al 1986, quando Francesco Costanzo decide di investire sulla propria esperienza maturata come meccanico per dare vita a un’attività in proprio. Così, insieme alla moglie ha creato dal nulla un’officina a Peschiera Borromeo, alle porte di Milano.
Nel corso degli anni la mole di lavoro è aumentata sempre più, tanto che i locali e il piazzale a disposizione non erano più sufficienti; così nel 2003 è stato necessario spostarsi in un capannone sempre a Peschiera Borromeo decisamente più grande.
Continuando su questo percorso di ampliamento, negli anni successivi hanno acquistato il terreno limitrofo dove hanno poi costruito la sede principale, che accoglie l’officina, gli uffici amministrativi e l’area dedicata alle revisioni. Il capannone inziale invece è stato adibito alle riparazioni più pesanti e alla sostituzione delle gomme, mentre a fianco si trovano il grande piazzale per accogliere i mezzi e la zona per il lavaggio. In tutto, la sede attuale occupa oltre 13.000 metri quadri, numeri che non si sentono spesso in questo settore.
“Dai due dipendenti che avevamo assunto trent’anni fa, siamo passati ai 26 attuali” racconta Raffaella Pisani, che segue la parte amministrativa. “Abbiamo cercato di migliorare sempre di più, e siamo cresciuti grazie al servizio affidabile e di qualità che offriamo ai clienti, che ci sono fedeli da quando abbiamo intrapreso quest’avventura. Oggi siamo un’autofficina autorizzata Iveco, e facciamo parte del network Top Truck, una rete di officine multimarca di Groupauto International”.
 
Come si fa a portare avanti un’azienda con risultati così positivi?
La nostra fortuna è che siamo in grado di occuparci di veicoli industriali di molteplici settori, dai mezzi per la nettezza urbana a quelli da cava e cantiere, dal trasporto di alimentari freschi fino al collettame. In questo modo, anche se un determinato comparto ha risentito o risente tutt’ora della crisi, abbiamo comunque un buon giro di clienti, e possiamo contare su parecchi di ingressi ogni mese.
 
Una sede così grande poi vi permette di offrire molteplici servizi.
Esattamente, cerchiamo di fornire tutto ciò di cui i clienti possono avere bisogno oltre alla riparazione. Ad esempio garantiamo l’assistenza tecnica per quanto riguarda le gomme, attraverso una ditta che mio marito ha creato insieme a nostri due dipendenti, e un servizio di carrozzeria leggera; nel caso di lavorazioni più complesse, infatti, mettiamo in contatto il cliente direttamente con carrozzieri esterni di fiducia, fungendo semplicemente da tramite ma dandogli la possibilità di essere soddisfatto in toto.
Dal 1997 siamo anche un’officina autorizzata a eseguire revisioni in sede su veicoli con peso superiore a 35 q, e forniamo assistenza completa per quanto riguarda la documentazione. In presenza degli ingegneri preposti dalla Motorizzazione civile, ogni mese programmiamo dalle 5 alle 7 sedute, un giorno di mattina e uno di pomeriggio per venire incontro ai diversi orari lavorativi dei trasportatori. Possono direttamente lasciare il mezzo qui in sede, noi provvediamo a eseguire il controllo e avvisiamo il cliente quando è pronto.
Un altro servizio che offriamo e che reputo molto importante è il soccorso stradale ovunque si trovino i veicoli, in Italia come nel resto d’Europa, grazie sia alla rete di officine Top Truck sia al servizio di Iveco. Possiamo intervenire anche “in prima persona” con i nostri mezzi attrezzati per raggiungere il veicolo il prima possibile. Abbiamo in totale quattro carri che fungono da vere e proprie officine mobili, due dei quali sono dotati di strumenti di diagnosi.
Inoltre, negli anni abbiamo ampliato sempre più la nostra rete di conoscenze delle officine su tutto il territorio nazionale, e in caso un camion avesse bisogno di soccorso e noi non fossimo in grado di intervenire, chiamiamo un’officina che lo possa soccorrere.
Infine, ci sono costruttori di rimorchi stranieri che offrono ai loro clienti un servizio di call centre 24 ore su 24, in modo da poterli supportare quando i mezzi si trovano fermi nel nostro paese; essendo noi affiliati, quando risultiamo l’officina più vicina ci contattano e noi interveniamo per prestare il soccorso necessario.
 
Quali altri aspetti che vi contraddistinguono?
Puntiamo molto sul nostro personale: siamo un’azienda giovane, la media dell’età dei nostri dipendenti si aggira sui 40 anni, e credo che questo al giorno d’oggi sia un punto di forza. Molti poi hanno iniziato a lavorare per noi che erano molto giovani, così abbiamo potuto formarli, passandogli i nostri valori.
I nostri tre figli, che da anni lavorano con noi e sono più o meno trentenni, stanno entrando in punta di piedi nella guida dell’azienda. Rappresentano la nuova generazione a cui sia mio marito che io stiamo passando tutte le nostre conoscenze: Gabriele gestisce ed esegue insieme ad altri operai gli interventi esterni per soccorrere i mezzi; Luca gestisce tutto quello che riguarda il magazzino; infine Manuel è responsabile tecnico del centro tarature tachigrafi.
In tutto ciò, mio marito supervisiona tutto quello che succede in officina, segue il lavoro dagli operai, prova i mezzi sia con il cliente sia con il dipendente, controlla ogni cartella e così via. Arriva qui in azienda la mattina molto presto per restare fino a tarda sera.
 
Una dedizione totale potremmo dire.
Assolutamente sì. Il suo grande pregio è che ha sempre riverito i clienti, ha sempre un occhio di riguardo per tutti. E queste accortezze ripagano, così anche nei confronti dei dipendenti, con cui ha una modalità da capofamiglia, perché il loro lavoro è di fondamentale importanza per noi. Proprio per questo dedichiamo moltissime ore alla formazione del personale, facendogli seguire corsi organizzati dalle case costruttrici e dai fornitori. Orientativamente, in un anno le giornate impegnate in formazione sono oltre 50. Questo è essenziale per restare al passo con i tempi in cui la tecnologia corre a velocità altissima. Il fatto che il personale sia sempre aggiornato è una marcia in più di inestimabile valore. Oltre alla formazione investiamo molto anche in attrezzature: la nostra officina ad esempio è dotata di quattro forche e quattro ponti per il sollevamento dei mezzi.
Tutto questo ci ha permesso di restare sul mercato e di adeguarci ai suoi cambiamenti.
 
Quali sono stati per voi i cambiamenti maggiori?
La differenza più importante secondo me sta nel fatto che prima il rapporto con il cliente era più diretto e veloce: si presentava con un problema da risolvere e ci attivavamo subito. Oggi invece, e credo sia una conseguenza della crisi, vengono richiesti molti preventivi per poter fare un confronto, ed è principalmente la politica del prezzo a dettare la scelta di un’officina piuttosto che un’altra. Noi per fortuna non ne abbiamo risentito.
 
Cosa vi ha salvato negli anni passati in cui il mercato era davvero sofferente?
Essere sempre presenti e dare al cliente la massima attenzione. Abbiamo cercato in tutti i modi di fare acquisti più ponderati, e del risparmio che ne veniva non abbiamo goduto noi direttamente ma lo abbiamo a nostra volta girato sul cliente. Questo grazie anche ai fornitori storici con cui abbiamo un ottimo rapporto.


 
 

Photogallery

Tags: groupauto truck company group officine vi eurocar

Leggi anche